Autobiopsia

Erano i tuoi occhi quelli che mi piacevano di più

Non era il colore, e nemmeno il taglio o lo sguardo

Mi piaceva indossarli per guardarmi da fuori, e criticarmi brutalmente

Ogni cosa prendeva allora un senso perfetto, distante dalla mia visione solita

Un anno che non ci sei, e un anno che surrogo a questo con altre lenti scadenti

La tua intelligenza mi faceva sentire a casa, sempre, d’ovunque, anche perché non credo alla patria, al focolare

Non ti chiedo di tornare

Potrebbe essere terribile constatare che nulla sia cambiato

È meglio subire la crescita ideale dell’eterno distacco

L’evoluzione della mancanza